Nelle giornate di MARTEDI’, MERCOLEDI’, GIOVEDI’, VENERDI’ e SABATO sarà possibile eseguire il prelievo venoso dalle ore 7.30 alle ore 10.00 (solo su appuntamento).

E’ preferibile raccogliere l’urina della prima minzione del mattino

Eseguire un’accurata pulizia dei genitali solo con acqua e sapone;

Salvo diverse indicazioni del curante non raccogliere la prima parte del getto di urina, continuare poi ad urinare direttamente nel contenitore sterile (che può essere ritirato gratuitamente in laboratorio) che va aperto subito prima della raccolta facendo attenzione a non toccarlo nell’interno

Nel caso in cui le urine non possano essere consegnate subito dopo il prelievo, si raccomanda di conservarle in frigorifero. E’ preferibile effettuare l’esame colturale delle urine quando non sono in corso terapie con antibiotici o comunque siano sospese da almeno 4 giorni (dieci in caso di assunzione di azitromicina), salvo diversa indicazione del medico curante; si prega di informare il laboratorio della eventuale terapia in corso.

Al mattino non raccogliere le prime urine ma gettarle; controllare l’orario e raccogliere poi tutta la quantità di urina della giornata e della nottata seguente. L’ultimo campione va dunque raccolto il mattino successivo a quello di inizio della raccolta, alla stessa ora in cui fu gettata la prima urina. Il contenitore può essere ritirato presso il laboratorio o acquistato in farmacia.

Raccogliere le urine delle 24 ore (vedi istruzioni precedenti). Nei tre giorni precedenti la raccolta evitare carne, pesce e cacciagione.

CATECOLAMINE URINARIE TOTALI O FRAZIONATE

Raccogliere le urine delle 24 ore (vedi istruzioni precedenti). Nei tre giorni precedenti la raccolta sospendere l’ assunzione dei farmaci contenenti L.Dopa, anti Mao, tetracicline, decongestionanti nasali, amfetamine su consenso del curante, e di alimenti quali banane, frutta secca, caffè, vaniglia. Evitare sforzi fisici.

  • RACCOLTA URINE PER ACIDO VANILMANDELICO URINARIO

Raccogliere le urine delle 24 ore (vedi istruzioni precedenti). Nei tre giorni precedenti la raccolta sospendere le assunzione di alimenti quali banane, frutta secca, cioccolato, vaniglia. Evitare sforzi fisici.

  • RACCOLTA URINE PER CALCIURIA, FOSFATURIA

Raccogliere le urine delle 24 ore (vedi istruzioni precedenti).E’ bene fare uso di un contenitore nuovo o lavato con acqua distillata. Nei tre giorni precedenti uso di latte e latticini in quantità limitata.

  • RACCOLTA URINE PER ESAME CITOLOGICO.

Per tre mattine possibilmente consecutive raccogliere un campione di urine (preferire la parte del getto urinario intermedia o finale) in un contenitore del tipo per esami colturali (che può essere acquistato in farmacia o ritirato gratuitamente in laboratorio). Ogni campione va consegnato al laboratorio nel giorno stesso della raccolta, per evitare alterazioni delle cellule da esaminare. Evitare di introdurre nel contenitore materiale salivare.

Raccogliere il campione di feci in un contenitore pulito ed asciutto (può essere ritirato gratuitamente in laboratorio). In caso di feci composte è’ preferibile scegliere la parte interna del cilindro fecale.

Si consiglia di non eseguire il test durante il periodo mestruale.

In caso di diarrea si consiglia, se possibile, di rinviare l’esecuzione del test.

ll campione va raccolto in contenitore preferibilmente sterile (può essere ritirato gratuitamente in laboratorio); il campione si può ottenere con tampone ano-rettale (di solito nei bambini). Se il campione non può essere consegnato entro 4 ore può essere mantenuto in frigorifero (non oltre le 24 ore).

Si consiglia di non effettuare la ricerca su di un solo campione ma almeno su tre campioni raccolti in giorni consecutivi o alterni (per la Giardia preferire 5 campioni a giorni alterni). Prelevarne più punti con la spatola presente sul tappo del contenitore (che può essere ritirato gratuitamente in laboratorio). Portare il campione in laboratorio o conservarlo in frigo al massimo per 48 ore. Evitare lassativi, antibiotici, antidiarroici se possibile. Utile limitare nei giorni dell’esame l’uso di legumi, frutta anche secca, verdura e banane.

Si consiglia di non effettuare la ricerca su di un solo campione ma almeno su tre campioni raccolti in giorni consecutivi o alterni.  Al risveglio porre due tratti di scotch a destra ed a sinistra sulla mucosa perianale facendolo aderire o con l’aiuto di un manico di un cucchiaio o premendo con il pollice per circa 20 secondi. Far aderire i due tratti di scotch su due diversi vetrini (che possono essere ritirati in laboratorio), e incartarli. Lavarsi bene le mani. Conservare in frigo. Possono essere consegnati tutti contemporaneamente.

Per l’indagine su bambino: posizionare lo scotch alla sera e lasciarlo in area tutta la notte.

RACCOLTA DELL’ESPETTORATO PER ESAME CITOLOGICO

Al risveglio: eliminare il primo espettorato del mattino; lavarsi i denti con delicatezza; prima di fare colazione espettorare con decisione in un contenitore (del tipo per esame colturale che può essere acquistato in farmacia o ritirato gratuitamente in laboratorio) contenente alcool denaturato che dovrà coprire il campione raccolto. Ripetere l’operazione per tre mattine consecutive ogni volta in un recipiente nuovo. Si possono consegnare i tre recipienti tutti assieme dopo l’ultima raccolta

In caso di espettorazione abbondante, procedere come per la raccolta per esame citologico dell’espettorato. In caso di scarsa espettorazione, su prescrizione del medico curante assumere per tre giorni un medicinale con funzioni espettoranti. Procedere successivamente come per la raccolta per esame citologico dell’espettorato, facendo però precedere il momento della raccolta da due/tre respiri profondi (espettorando poi come detto con decisione).

E’ consigliato l’astenersi da rapporti sessuali la sera precedente il prelievo e nei dieci giorni precedenti non aver effettuato esplorazioni rettali ecografie trans-rettali o colonscopie.

Il campione deve essere consegnato entro ½ ora dalla raccolta. Osservare un periodo di astinenza di almeno tre giorni e non superiore ai sei giorni;

Praticare accurata pulizia dei genitali e delle mani prima della raccolta del liquido seminale;

Usare per la raccolta del liquido seminale solo contenitori sterili del tipo per urinocoltura evitando accuratamente di toccare l’interno del contenitore una volta aperto;

La raccolta del liquido seminale si attua tramite masturbazione; eiaculando (emissione del liquido seminale) direttamente nel contenitore; svuotando l’uretra con leggera compressione del pene dalla radice verso la punta al termine dell’eiaculazione;

Evitare assolutamente l’uso di preservativi, del coito interrotto od altri sistemi di raccolta che possano alterarne le caratteristiche;

Non consegnare raccolte incomplete del campione;

Il contenitore non deve essere esposto a temperature inferiori a 25° C e non superiori a 37° C (è sufficiente conservare il contenitore nella tasca della giacca);

Sul contenitore (non sul suo coperchio) devono essere indicati: nome, cognome, data e ora della raccolta;

La raccolta del liquido seminale può avvenire anche presso l’ambulatorio che mette a disposizione un apposito locale;

Il mancato rispetto dei punti precedenti rende l’esame meno attendibile;

Si ricorda che non devono essere stati assunti antibiotici da almeno 10 giorni e che devono essere segnalati tutti i farmaci eventualmente assunti di recente o in modo continuativo;

Produrre una copia dell’ultimo esame eventualmente eseguito.

Tampone rapido antigenico rinofaringeo Covid 19.

Test certificato con esito in 10 minuti.

Dal lunedì al sabato solo su appuntamento.

Astenersi da rapporti sessuali la sera precedente l’esame

Aver sospeso qualsiasi terapia antibiotica e antimicotica locale o generale da almeno 4 giorni

Non urinare per 3 ore prima dell’esame

E’ consigliabile un digiuno di circa 30 minuti; se possibile senza aver lavato i denti da circa 2 ore ed aver evitato l’uso di collutori orali nelle 8 ore precedenti. La terapia antibiotica deve essere sospesa da almeno 6 giorni.

E’ preferibile non pulire in alcun modo il condotto auricolare prima del prelievo. La terapia antibiotica deve essere sospesa da almeno 4 giorni (10 se si è assunta azitromicina).

ACCETTAZIONE: cosa fare

Al momento dell’accettazione sono richiesti alcuni dati del paziente che saranno inseriti e conservati nel sistema informatico:

Data numero di accettazione
Nome – Cognome – Data di nascita
Indirizzo – Codice Fiscale – Recapito telefonico
Esami richiesti
Data del ritiro del referto

COME ACCEDERE AL SERVIZIO
Non è necessaria la prenotazione, qualora l’utente preferisca un appuntamento può telefonare alla segreteria del POLIAMBULATORIO LIFE (Tel. 0422.713466). Il prelievo viene erogato presentando la prescrizione del medico (“ricetta bianca”, “ricetta rossa”) o senza prescrizione medica.

TARIFFARIO
Tutte le prestazioni seguono il tariffario della Regione Veneto. E’ addebitato il costo del prelievo venoso €. 4,00.

MODALITA’ DI PAGAMENTO
Il pagamento delle prestazioni (contanti o POS) va effettuato al momento dell’accettazione ed avviene in contemporanea con il rilascio della relativa fattura (esente IVA ai sensi dell’art. 10 n.18 del D.P.R. 633/72 e successive modifiche).

PRIVACY
Tutti i dati sono trattati ai sensi del UE 679/2016.

RITIRO REFERTI
Collegandosi al sito https://venetoreferti.lifebrain.it è possibile consultare e stampare i propri referti.

Al momento dell’accettazione vengono rilasciati i codici, strettamente personali, con i quali accedere al portale web. Oppure presso la segreteria del POLIAMBIULATORIO LIFE. Nel rispetto della vigente legge sulla privacy i referti saranno consegnati a persona diversa dal titolare solo dietro presentazione di apposita delega che sarà consegnata al momento del pagamento.

     MAGGIORI INFORMAZIONI